Una rete per parte e la posta in palio divisa a metà tra le due squadre. Il terzo derby stagionale tra Sicula Leonzio Women e Ludos Palermo, giocatosi oggi al “San Gaetano” di Belpasso, finisce con un 1-1 che allunga la serie di risultati utili delle leonesse, mantenendole nel gruppo di testa del Girone D della Serie C femminile.

Bianconere in versione diesel nel primo tempo. Ne approfittano le rivali, che al 12’ insaccano con Cusmà su calcio d’angolo. Le ospiti appaiono più in palla e tra il 31’ ed il 34’ tornano a farsi pericolose in altre due occasioni, non sfruttate.  Al 33’ la leontina Di Mauro deve abbandonare la contesa per infortunio, al suo posto subentra Emanuela Priolo. Quando l’inerzia della partita sembra pendere nettamente a favore della Ludos, ecco il graffio della Sicula:  al 36’ palla in area palermitana di Suriano, Pennisi anticipa la difesa ospite, ma viene falciata. Rigore per le padrone di casa. Dal dischetto si presenta Martina Salvoldi, che con freddezza pareggia i conti.

La ripresa vede subito tanto agonismo tra le due compagini, che macinano occasioni. Al 51’ angolo per la Ludos, stacco di testa di Dragotto, respinto da Aleo con l’aiuto della traversa ed occasione che sfuma.  Al 55’ Salvoldi penetra in area dalla destra ma il suo tiro, da posizione defilata, non punge. Pochi minuti dopo (58’) nuova occasione per la Ludos, con la Dragotto che si fa murare la conclusione a botta sicura da Signorelli. Al 60’  Agati innesca la velocità di Beatrice Vitale, costringendo Campanella all’uscita altissima per evitare il peggio. Al 63’ è la palermitana Coco, invece, a cestinare una buona palla in area della Sicula. Al 69’, nuovo sprint di Vitale ed altra uscita fuori area di Campanella. Nel finale i ritmi calano, senza ulteriori sussulti.

Nel post partita ecco l’analisi di mister Peppe Scuto: “Al solito paghiamo l’inesperienza del gruppo. Anche oggi la fascia d’età in campo era dal 2000 al 2005 con Martina Salvoldi “fuoriquota”, classe ’99. Abbiamo avuto bisogno di prendere un gol per poter reagire, ma la reazione c’è stata. L’atteggiamento è stato quello giusto e non abbiamo mollato fino all’ultimo secondo, contro una squadra costruita per vincere il campionato.  E’ un punto che fa morale, in un gruppo giovane. Adesso c’è Trani. Tutte le trasferte sono difficili, ma quella di Trani in particolare. Sappiamo che sarà difficile, ma quest’anno partite semplici non ce ne saranno”.

 Il difensore bianconero Maria Di Stefano sottolinea il coefficiente di difficoltà del match: “Volevamo fare a tutti i costi risultato, ma loro ci hanno messo in difficoltà. Abbiamo cercato di fare il nostro meglio, giocando con calma la gara ed alla fine accontentandoci del pari. Lavoriamo ogni settimana sui piazzati. Speriamo che già dalla prossima di non commettere più di questi errori. Dobbiamo fare sempre meglio, di settimana in settimana. Non ci aspettavamo di partire così bene in campionato, perché siamo un gruppo giovane. Ci godiamo quello che siamo riuscite a fare”.

 Il difensore Emanuela Priolo spiega: “Sapevamo che era una partita molto difficile. Il mister ce l’ha ripetuto per tutta la settimana e sin dalle sconfitte maturate in Coppa Italia pensavamo a questa gara, sapendo di dover mettere tutto quello che avevamo in campo. Desideravamo strappare una vittoria, però le nostre avversarie di oggi sono una grande squadra e quindi ci facciamo bastare il pari. Ma al ritorno non sarà così, dovremo vincere”.

 TABELLINO

 SICULA LEONZIO WOMEN – LUDOS PALERMO 1-1

 SICULA LEONZIO WOMEN: Aleo; Pietrini, Di Stefano, Signorelli; Di Mauro (dal 33’ 1t  Priolo), Martella, Agati, Suriano, Salvoldi (dal 43’ st Saraò); Pennisi (dal 44’ Lo Vecchio) , Vitale.  Allenatore: Scuto

A disposizione: Puglisi, Militello, Mo. Russo, Ma. Russo, Parlascino, Miraglia

LUDOS PALERMO:  Campanella, Governale (Newcomb), Talluto (Riccobono), Cusmà, Collovà, Panarello,  Tarantino (Lazzara) , La Cavera (Coco), Dragotto, Bassano (Impellitteri), Intravaia.  Allenatore: Licciardi

A disposizione: Iemme, Giaimo

 

Reti: Cusmà (L) al 12’ pt; Salvoldi (S) al 36’ pt (rig)

Ammoniti: Salvoldi e Di Stefano (S)

Recuperi: 1’ primo tempo; 5’ secondo tempo