Settore Giovanile: parlano Alderisi, Russo e Musumeci

BERRETTI – Pierpaolo Alderisi analizza a più ampio respiro la prestazione offerta contro il Siracusa che ha permesso ai bianconeri di ottenere la terza vittoria stagionale: “La gara col Siracusa credo sia stata vinta con merito, sebbene densa di difficoltà. Abbiamo reagito con carattere e mentalità allo svantaggio iniziale cercando più volte il gol del pareggio e prima della fine del primo tempo non soltanto lo abbiamo trovato ma abbiamo creato i presupposti per andare in vantaggio come nell’occasione della traversa. Nella seconda frazione entrambe le squadre, non potendo assecondare i ritmi frenetici dei primi 45′, hanno abbassato l’intensità dilatando gli spazi di gioco. Noi abbiamo attaccato bene e con costanza tali spazi riuscendo a costruire il gol della vittoria dopo averlo sfiorato in diverse occasioni. Abbiamo tuttavia commesso alcune topiche difensive regalando letteralmente delle occasioni agli avversari e questo non mi è affatto piaciuto. Dai nostri calciatori ci aspettiamo sempre grande determinazione attenzione e personalità. Comunque sia abbiamo superato un organico composto da ottimi calciatori e questo deve gratificarci per i progressi ottenuti con grande sacrificio ma non deve appagarci. Dobbiamo tendere con caparbietà ad un miglioramento continuo. Siamo in una fase in cui ragazzi stanno prendendo coscienza del percorso di crescita ed incominciano a interpretarlo da una prospettiva personale. Iniziano ad assumersi delle responsabilità in campo e fuori. Sono alla continua ricerca di quella che è la loro dimensione personale come giocatori per completare il passaggio all’età adulta” il pensiero del tecnico bianconero.

UNDER 17 – Il tecnico bianconero Francesco Russo commenta il 2-2 maturato al centro sportivo “Popilpianco”. “Gara dai 2 volti, sia nel primo che nel secondo tempo. Nel primo tempo abbiamo creato 3-4 palle gol limpide, abbiamo trovato il gol e la squadra dava la sensazione di essere padrone del gioco e del campo impedendo al Cosenza di affacciarsi nella nostra metà campo. Stavamo facendo una buona gara con il piglio giusto e la giusta distanza tra i reparti. Purtroppo un errore banale, individuale, ha scaturito il loro pareggio ed è li che abbiamo pagato con un blackout di 10′ circa in cui abbiamo subito il gol del 2-1. Nella ripresa la squadra è stata molto brava perchè è partita forte, volevamo subito pareggiare e portarci in vantaggio. Abbiamo sfiorato il gol 2 volte e lo abbiamo trovato con Condorelli. Realizzato il gol del 2-2 la squadra erroneamente ha abbassato i ritmi e non ha prodotto più palle gol. Ad essere sinceri abbiamo subito più del dovuto e il Cosenza ci poteva punire. E’ una gara dai 2 volti che ci lascia amaro in bocca perchè eravamo partiti con la giusta attenzione e voglia di fare bene. E’ una costante di inizio stagione calare nel rendimento, sia individuale che collettivo, nel corso del match. Non dimentichiamo che è una squadra nata appena 4 mesi fa, che ha reagito alle prime 4 sconfitte consecutive e alla scoppola presa contro il Catania e che sta muovendo notevoli passi in avanti. Prosegue la crescita, ci riteniamo soddisfatti ma sono tanti i margini di miglioramento”.

UNDER 15 – Aldo Musumeci guarda con fiducia alla sfida contro la Reggina archiviando la sfida contro il Cosenza: “Sono contento dell’atteggiamento mostrato dai ragazzi. Sia sul piano individuale che su quello collettivo il gruppo ha dato tutto fornendo una prestazione discreta contro una squadra che si è dimostrata forte, organizzata, sicuramente la migliore di quelle incontrate finora. Il Cosenza deve essere per noi un punto di arrivo, un modello da guardare, noi dobbiamo crescere ma i ragazzi hanno risposto. La partita contro la Reggina per noi è importante, cercheremo di superare un momento un pò complicato laddove qualche passo falso in termini di risultati, applicazione, impegno e atteggiamento, hanno sbiadito un inizio sicuramente positivo. Il nostro obiettivo è sempre quello di puntare sulla crescita individuale, questo sta sicuramente avvenendo, occorre l’atteggiamento mostrato contro il Cosenza per ritrovare la strada che avevamo smarrito”.

2017-11-28T11:22:02+00:00