Settore Giovanile, primi bilanci con il Responsabile Massimiliano Borbone

La conclusione del 2017, unitamente alla sosta osservata per le feste natalizie, offre un’analisi a più ampio respiro sull’andamento della macchina giovanile bianconera che, da Agosto ai giorni d’oggi, ha viaggiato ad altissima velocità e guidato un progetto totalmente ex novo.
Il Responsabile del Settore Giovanile Massimiliano Borbone traccia le prime considerazioni, soddisfatto e allo stesso tempo ambizioso del futuro sempre più a tinte bianconere.
Startup – “Non è stato per nulla facile creare dalle fondamenta un settore giovanile, impiantato su 3 realtà che competono a livello nazionale. Siamo ben consapevoli degli alti e bassi, del cambio di mentalità dal dilettantismo al professionismo che richiede ulteriore tempo. Grazie all’instancabile lavoro del nostro team, professionale nei dettagli, abbiamo superato le prime difficoltà e i primi ostacoli, sicuri che il percorso tracciato porti la Sicula Leonzio negli anni a venire ad una considerazione sempre crescente, fatto che viene testimoniato dalle richieste pervenute dai settori giovanili di massima serie per alcuni nostri ragazzi“.
Obiettivi – Terzi con la Berretti, decimi con le categorie Under a conclusione di un girone d’andata salutato dal doppio pareggio rimediato in terra salentina. Borbone applaude i tecnici e i ragazzi per l’ottimo avvio.
Il campionato della Berretti, guidata da Pierpaolo Alderisi, lo considero sorprendente. Chiudere il girone d’andata alle spalle di due club quali Catania e Trapani che, appena qualche anno fa stazionavano in categorie ancora più blasonate, è un ottimo punto di partenza. Nel complesso la logica del risultato non è l’aspetto più importante del lavoro. La nostra missione rimane la valorizzazione tecnica ed individuale. Con la Berretti talvolta i ragionamenti possono variare, ma in entrambe le categorie Under, allenate da Aldo Musumeci e Francesco Russo, la richiesta è mirata alla crescita del calciatore. Per il girone di ritorno sarebbe plausibile avere più costanza di rendimento e un maggiore equilibrio. Nelle categorie giovanili le sollecitazioni sono molteplici, e di carattere fisico e sul carattere di ciascun atleta. Non vi è crescita se il ragazzo viene lasciato a sè e di questo sono molto orgoglioso perchè nel nostro staff annoverano figure professionali che lavorano a sostegno della nostra causa e dei nostri tesserati“.
Academy bianconera – Tra gli spunti di riflessione l’ampliamento sul territorio circostante che ad Agosto ha gettato i primi semi con l’introduzione del progetto Academy.
E’ un progetto di lungimiranza quello che vogliamo risvegliare nei cittadini di Lentini e dei comuni limitrofi. Giocare per la Sicula Leonzio può rappresentare motivo di orgoglio, accostarsi ad una società giovane, ambiziosa e professionistica. Ringrazio Tony Costa per il sostegno e il grande contributo offerto ad Augusta e allo stesso modo Mirko D’Urso che a Lentini sta svolgendo con acume e applicazione un lavoro certosino partendo dal basso e dai piccoli leontini. L’auspicio è quello di valorizzare atleti nostrani e far crescere maggiormente il senso di appartenenza verso Lentini e ciò che rappresenta il calcio giovanile“.
Collaborazione – Importante la collaborazione delle tante società dilettantistiche che hanno dato disponibilità permettendo la crescita e la formazione calcistica di atleti cresciuti in casa.
“Chiaro che per arrivare alla definizione dei nostri organici, che complessivamente ammonta a 70 atleti, avevamo bisogno di sinergie produttive. Abbiamo attinto dai vivai delle società dilettantistiche più blasonate della Sicilia creando un feeling che consegue canali sempre attivi e collaborazioni che proseguiranno anche nel 2018”.
Comunale “Aldo Binanti” – Chiosa finale sulla casa bianconera, il Comunale di Scordia “Aldo Binanti” punto di riferimento logistico e strutturale del settore giovanile.
“L’accoglienza dei cittadini di Scordia e della società rossoblu è stata squisita. La collaborazione è totale, ringrazio il Presidente Gallo, i Direttori Strianese e Antonucci che non hanno lesinato attenzione verso i nostri colori e la nostra giovane creatura” conclude il Responsabile del Settore Giovanile Massimiliano Borbone.

2018-01-04T11:18:24+00:00