Sicula Leonzio vs Cosenza: segui la cronaca LIVE

35^ Giornata girone C Serie C
15/04/2018
Sicula Leonzio – Cosenza 0-1 37′ D’Orazio

Sicula Leonzio (4-3-3): Narciso, De Rossi, Aquilanti, Gianola, Squillace, D’Angelo (63′ Foggia), Cozza (80′ Petermann), Esposito, Bollino (80′ Arcidiacono), Lescano (80′ De Felice), Gammone (71′ Marano). A disposizione: Ciotti, Pollace, Giuliano, Monteleone, Camilleri, Davì, Russo. Allenatore: Diana Aimo

Cosenza (3-5-2): Saracco, Camigliano, Dermaku, Pascali, Corsi, Calamai, Palmiero (69′ Okereke), Bruccini, D’Orazio, Baclet, Tutino (86′ Trovato). A disposizione: Zommers, Ramos, Pasqualoni, Boniotti, Collocolo. Allenatore: Braglia Piero

Arbitro: Marco Guarnieri (Empoli)
Assistenti: Arcangelo Vingo (Pisa) – Nicola Mariottini (Arezzo)
Ammoniti: Bollino, Palmiero.
Calci d’angolo: 4-3

Primo pallone giocato dai rossoblu. Ritorna al canonino 4-3-3 la Sicula Leonzio, Braglia opta per il 3-5-2.
Al 6′ intervento provvidenziale di De Rossi su Tutino pronto alla stoccata davanti a Narciso.
Al 9′ Narciso si supera su Baclet nonostante la bandierina alzata dall’assistente Mariottini.
Al 14′ Camalai riceve da Baclet e svirgola dagli 11 metri un destro che si spegne ampiamente alla sinistra di Narciso.
Al 18′ iniziativa personale di Gammone che si lascia andare ad un doppio dribbling seguito da una conclusione sul primo palo di Saracco che a mani aperte compie il suo primo intervento importante.
25′ di gioco all’ “Angelino Nobile” e reti bianche tra Sicula Leonzio e Cosenza.
Alla mezzora buona iniziativa di D’Angelo che porta un traversone nel cuore dell’area di rigore sventata da un colpo di testa decisivo di Camigliano.
Al 34′ sfuma un contropiede ben congeniato: Gammone ignora la discesa di Bollino, allargando il gioco erroneamente sulla sinistra.
Al 37′ angolo dalla destra battuto da Bruccini, sponda di Baclet che porta al gol di Tommaso D’Orazio che corregge a rete battendo Narciso per la rete che sblocca la partita.
44′ di gioco: sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Bollino parte la conclusione di Aquilanti smorzata e neutralizzata in 2 tempi da Saracco.
Due i minuti di recupero accordati dal direttore di gara Guarnieri.
La prima frazione di gioco si chiude sul parziale di 0-1 in favore dei rossoblu.

Bianconeri che giocano la prima palla della ripresa.
7 i minuti di gioco dallo scoccare dei secondi 45 minuti. Pallino del gioco costantemente dei bianconeri che vogliono ripristinare la parità.
Superato il quarto d’ora nella ripresa ci prova D’Angelo con una conclusione forte ma lontana dai pali di Saracco.
Al 62′ conclusione dai 30 metri di Cozza che impegna Saracco al tuffo alla sua destra.
Con l’inserimento di Foggia il tecnico bianconero cambia indirizzo tattico alla squadra: 4-2-4 con Gammone e Bollino ai lati di Cozza e Esposito, Foggia e Lescano tandem offensivo.
Cosenza riverso tutto nella propria meta campo. Bianconeri a trazione anteriore e alla ricerca del meritato pareggio.
Acrobazia spettacolare di Foggia che al 25′ sfiora il golazo.
Diana inserisce al 26′ Marano in luogo di Gammone.
Al 32′ alleggerimento errato di Aquilanti verso Narciso, ne approfitta Tutino che a botta sicura calcia sul palo. Bianconeri graziati dall’errore sotto porta del numero 25 rossoblu.
Dieci allo scadere dei 90′ di gioco: Diana opera un triplo avvicendamento inserendo Arcidiacono, De Felice e Petermann al posto di Lescano, Bollino e Cozza.
Calcio di rigore per la Sicula Leonzio al 39′ della ripresa per il fallo su De Felice! Dagli 11 metri si incarica Arcidiacono della battuta, straordinario Saracco che intuisce potenza e direzione del tiro del numero 7 bianconero.
Saracco ancora provvidenziale sul destro dalla lunga distanza di Petermann.
Al 44′ ancora Petermann, Saracco ancora provvidenziale devia con le punta delle dita il pallone sulla traversa.
5 i minuti di recupero decretati dal direttore di gara toscano Guarnieri.
Aquilanti, ultimo uomo bianconero, salva la Sicula Leonzio dal contropiede rossoblu.
Le parate di Saracco, il rigore sprecato, la traversa e il cinismo rossoblu costano la sconfitta alla Sicula Leonzio che non perdeva tra le mura amiche dal match tenutosi al “Massimino” domenica 3 dicembre contro la Paganese.

2018-04-15T20:25:46+00:00